Ufan al vostro servizio
ita eng
HomeChi siamoCatalogo YachtsDownload filesForm contattoContattiLinksBlogRegistrazione
CERCATE NEL BLOG
BLOG        
AKHIR 118 03/03/2010

L'Akhir 118' è lungo 36 metri; le slanciate linee esterne, affidate a Carlo Galeazzi, che ha raccolto il testimone da Pierluigi Pasolini, non si discostano da quelle tradizionali del cantiere, a cuneo con il tipico slancio di prua, subito riconoscibili, tuttavia sono state rese più attuali e accattivanti dalla presenza di due tagli longitudinali al di sopra e al di sotto del fascione nero, una soluzione che ha permesso la creazione di tutta una serie di finestre, di cui ben nove nella cabina armatoriale. La plasticità della sagoma esterna è stata esaltata da una livrea in grigio metallizzato, un'assoluta novità nella gamma Akhir. Quanto agli interni, realizzati dagli interior designer del cantiere con la collaborazione dell'armatrice, sono eleganti nella loro impostazione tradizionale, in teak sabbiato scuro a effetto cerato, disposto secondo uno schema moderno di boiserie con tessuti pregiati sui pannelli di rivestimento. I mobili sono in parte realizzati in pero tinto nero, lavorati con perizia dagli ebanisti del cantiere con una tecnica che risale al '600 e mostrano numerose parti rivestite in pelle. L'illuminazione è stata molto curata: quella naturale diurna è filtrata da pannelli scorrevoli in tessuto, che sull'intero yacht sostituiscono le classiche tende. La luce artificiale notturna è stata ottenuta mediante gole nel soffitto da cui fuoriesce luce indiretta, con veri e propri punti luce rappresentati da lampade di design. Il layout prevede nel ponte inferiore la suite armatoriale a mezza nave con scrivania, spogliatoio e area fittness, e altre tre cabine ospiti, una a due letti e due Vip gemelle. Il salone nel ponte di coperta si articola in due parti: una zona conviviale e un'area dedicata alla Tv; una paratia centrale, rallegrata da un colorato dipinto astratto, separa la sala da pranzo a tutta larghezza con tavolo ovale per 10 e sedie di design, mentre a prua c'è la cucina, una Schiffini in alluminio e lacca nera con isola centrale, cambusa, dinette per l'equipaggio e con la scala che scende alle tre cabine doppie per i marinai, poste all'estrema prua del ponte inferiore. Dalla plancia su mezzo ponte si sale al flying bridge: a poppavia dei due divanetti che servono la timoneria esterna si trovano due spaziosi prendisole, un'ampia zona libera e, a poppa, un mobile cucina e un enorme divano a C con due tavoli unibili. Un'altra zona relax/pranzo open air si trova nel pozzetto, coperto dall'aggetto del flying. A prua, incassato nella tuga, c'è un ulteriore solarium, mentre a poppa è ricavato il garage per un tender di quattro metri, rivestito in teak, in modo che quando il gommone è in acqua si possa trasformare in un'area balneare attrezzata. La sala macchine ospita due motori Mtu da 2400 cavalli che spingono lo yacht a una velocità massima di 27 nodi, con un'autonomia a regime di crociera di 2120 miglia. Caratteristiche peculiari di questo Akhir 118 sono il comfort di navigazione, l'assenza di vibrazioni e la silenziosità, quest'ultima ottenuta mediante sistemi speciali di coibentazione che derivano dalla tecnologia aerospaziale. Inoltre la stabilità all'ancora è totale grazie agli stabilizzatori zero-speed.


Commenti (16947)

AZIMUT LEONARDO 100' 02/03/2010

Il nuovo Leonardo 100 di Azimut è un 30,75 metri a metà strada tra l'open, di cui presenta le linee affusolate e sportive, e il fly, di cui conserva la seconda postazione di guida e l'area relax. Si tratta, dunque, di un fly innovativo, nel senso che ripercorre una strada già nota e apprezzata dal pubblico, ma con linee e soluzioni che ne accentuano la modernità. E soprattutto con un rinnovato sfruttamento degli spazi. Il tutto condito con arredi di estrema eleganza nella loro semplicità, con parquet in teak e mobili in zebrano tinto mogano che creano armoniosi contrasti con le pannellature rivestite in alcantara chiaro perlinato. Particolarmente riuscito e diverso è il layout della coperta con un salone open space che vede subito all'ingresso una sala da pranzo circolare, circondata da vetrate a emiciclo che la mettono in comunicazione con il pozzetto coperto. La zona conversazione con divani laterali è al centro e un mobile con televisore pop up separa, ma non nasconde, la plancia interna. Non manca, come sui modelli più recenti, l'ampio salottino prodiero con divani e prendisole. Il ponte inferiore vede a poppa estrema il garage, che può ospitare un tender di buone dimensioni e due moto d'acqua, seguito dalla supertecnica sala macchine, ad altezza d'uomo, che ospita due Mtu da 1630 kW, che consentono di raggiungere una velocità massima di 32 nodi e 29 di crociera. Subito verso prua c'è il blocco che comprende la cucina e gli alloggi dell'equipaggio, una soluzione che ha il vantaggio di isolare, anche acusticamente, la cabina armatoriale a centro barca. Disposta a tutto baglio, quest'ultima è illuminata e arieggiata da entrambi i lati da "scenic windows" rettangolari, con oblò apribili, ed è dotata di uno spazioso bagno con top in marmo bianco Sivec, due lavandini in vetro soffiato giallo e doccia a idromassaggio. Le altre cabine ospiti, due doppie e una Vip prodiera, si aprono sul corridoio centrale verso prua. Per quanto poco visibile dall'esterno, il flying ha buone dimensioni (11 metri di lunghezza) e offre a poppa una Jacuzzi rotonda affiancata da un prendisole e da sedie a sdraio, mentre la zona centrale è riservata alla zona conviviale con sofà e tavolo, coperta da un originale hard top in vetroresina e cristallo.


Commenti (3)


1   >>  
Argomenti
YACHTS
CANTIERI
VELE D'EPOCA
POSTI BARCA
Archivio
2018
2012
2010
2009
2008
2007
Maggio 2018
Febbraio 2012
Novembre 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Novembre 2009
Ottobre 2009
Luglio 2009
Maggio 2009
Novembre 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
© UFAN di Sagramoni - Viareggio (LU) - Tel. +39-335-6066051 - SGRLCN61P26L833B